Come vestirsi in città? Cosa non usare mai in Estate

Fa caldissimo? Ecco i 10 capi da non indossare se siete ancora in città!

città come vestirsi

Dicono che quando fa caldo la gente impazzisce. Io invece sostengo che quando la calura è insopportabile le persone iniziano a perdere il senso del pudore e della decenza.

IL SOLE SCIOGLIE LO STILE

Solitamente una donna passa almeno un quarto d’ora davanti all’armadio per decidere cosa indossare. Si cambia tre volte. Sbuffa e impreca. Poi esce di casa.

Quando invece fa molto caldo la donna dimezza drasticamente i tempi della vestizione. Perché esce praticamente in mutande.

COME VESTIRSI IN CITTA’ E COSA NON INDOSSARE QUANDO FA MOLTO CALDO

A parte le eccessive nudità mostrate senza alcuna remora, ci sono altre cose che sarebbe meglio non mettere quando fuori ci sono quaranta gradi con il novanta percento di umidità che anche le protesi della Cipriani rischiano la liquefazione.

Siete pronte a prendere appunti?

1. TESSUTI ACRILICI

Come si sa, i tessuti sintetici in quanto tali, non sono molto dalla parte della traspirabilità. Se quindi indossati con trentacinque gradi e quaranta percepiti, creano un piacevole effetto sauna che vi consentirà di perdere un chilo di liquidi in un tragitto di dieci minuti.

Peccato che quei liquidi si trasferiranno sui vostri abiti, facendovi sembrare delle provette Miss Maglietta Bagnata edizione Linea M1 della metro. Per non parlare del fatto che rischiate di prendere fuoco ogni qualvolta qualcuno si accende una sigaretta. Anche a duecento metri da voi.

2. STIVALETTI INVERNALI

Perché lo so che fanno molto stile British, che sono alternativi e che ognuno è libero di mettersi quello che vuole. Però, c’è sempre un però. Ad esempio, immaginate che proprio quel giorno incontrate l’uomo dei vostri sogni e che l’atmosfera si fa subito bollente e che quindi quegli stivaletti dovrete toglierli. Ecco, forse così vi ho convinte. E poi fanno tanto anni Novanta, che sono passati da un pezzo e sono stati gli anni peggiori in quanto a moda!

3. SHORTS CORTISSIMI

Capisco che pensare di infilare un paio di pantaloni sia come chiedervi di fare conversazione con una corteggiatrice di Uomini e Donne, ma se proprio dovete indossare gli shorts fate in modo che non facciano concorrenza ai vostri slip. Ergo, le chiappette devono essere coperte. Anche se il vostro sedere è come quello di Michelle Hunziker.

4. JEANS

E quando scrivo jeans, intendo quelli spessi quanto un dito. Che poi, provate ad infilarli quando siete appiccicose come un barattolo di miele. In commercio vendono jeans in cotone estivo, che oltre ad essere più freschi, sono più elastici e quindi semplici da indossare. Perché se già ci sono duecento gradi, magari la saltellata per infilarli è meglio evitarla, no?

5. INFRADITO DI PLASTICA

Dammi tre parole: sole, cuore e amore. E siete tutte li a infilare le infradito in plastica che si usano per andare in spiaggia. Solo che siete in città, con strade sporchissime e mare non pervenuto.

E non provate a dire che soffrite di caldo ai piedi, perché ci sono altre calzature adatte: dei sandali in pelle, i gladiator oppure le espadrillas. Scegliete voi ma lasciate le infradito nella scarpiera.

6. TRASPARENZE

Altra tendenza per me inspiegabile, è quella di indossare capi trasparenti. Che poi il dramma non è la trasparenza in se, che se posizionata bene trovo assolutamente glam, ma il fatto di usarla come total look.

Che poi anche qui torniamo al discorso dei materiali sintetici. L’aria passerà pure, ma sai che bello l’effetto del trasparente appicciato alla pelle… da film di Tinto Brass. E se poi ci mettete anche l’intimo a contrasto, magari vi chiama Bigas Luna.

7. MOLLETTONE GIALLO IN PLASTICA

Perché avere i capelli lunghi quando la calura è insopportabile è un bel problema. Lasciarli sciolti è praticamente impensabile e quindi in preda ad un delirio mistico causato dal caldo, eccovi li che raccogliete i capelli in quei bei mollettoni stile sono a casa a fare le pulizie.

Magari una bella treccia? O una chignon? Le alternative ci sono. Lo stile ringrazia. Piuttosto uscite con i bigodini, magari lanciate una nuova moda.

8. JELLY SANDALS

Che un tempo erano i sandali (orribili per giunta) che si usavano per andare sugli scogli. E per molte il loro uso è ancora solo quello.

Solo che la moda è strana e quindi ha pensato di proporli come sandali per uscire la sera. O peggio ancora di giorno. Con l’asfalto rovente e il piede che suda e scivola qua e la, regalando siparietti piuttosto divertenti. Ma quelle che suscitano in me un moto di tenerezza, sono quelle che li mettono con le calze. E non proseguo oltre.

9. REGGISENO A FASCIA CON SILICONE

Perché per quanto il silicone sia utilissimo per non far scivolare giù il reggiseno è anche complice di una iper sudorazione che ne vanificherà l’effetto. E in un attimo vi ritroverete con il seno che scambia il contatto Facebook con l’ombelico.

Magari in giorni particolarmente caldi indossate una maglia che abbia le spalline e vi permetta di indossare il reggiseno classico.

10. PANCE SCOPERTE… NON SONO PER TUTTE

Ok, va di moda il Crop Top che però lascia scoperta una piccolissima parte del vostro addome. Il problema è quando vedo ragazze con top che fanno concorrenza ad un reggiseno per larghezza e tutta la morbidezza della pancia in bella vista. Perché io sono dalla parte dell’amore, di qualunque sesso o colore.

Ma le maniglie dell’amore in bella vista, quelle no. Questo non significa che se avete un addome come quello degli Angeli di Victoria siete esentate. I risultati della palestra li farete vedere in spiaggia. Lasciate quindi questo tipo di look a situazioni più appropriate, come magari il Festival di Coachella.

Vi siete ritrovate in qualcuno dei dieci punti? Tranquille è normale. Il caldo non fa ragionare molto bene e anche la più stilosa sbaglia. Ma per fortuna ci sono io a riportarvi sulla retta via! 🙂



Beautydea Telegram's Channel
Ricevi gli aggiornamenti
Notificami
48 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti