Urban Decay Build Your Own Palette Naked e Mago di Oz

Urban Decay Build Your Own Palette 2013Una breve anteprima per la prossima primavera viene da Urban Decay, che dopo il lancio della Build Your Own Palette, lancia nuove versioni più piccole da 4 ombretti.

In questo caso però non si tratta di palette vendute vuote, ma già complete, e la particolarità sta nel design del packaging.

Una delle 3 che verranno lanciate è la Urban Decay Naked Basics Palette, che riprende 6 dei colori che hanno avuto più successo dalla palette Naked original, per permettere alle amanti della palette più famosa di tutti i tempi, di averne una versione più compatta da portare sempre in borsetta, con la possibilità di cambiare i colori al suo interno successivamente.

Le altre 2 palette saranno limited edition e sono create in collaborazione con Walt Disney per celebrare il seguito del Mago di Oz, e saranno costituite da 4 colori mat che permetterano di ricreare i look delle streghe Glinda e Teodora.
Urban Decay Build Your Own Palette 2013
Urban Decay Build Your Own Palette 2013
Non ci resta che attendere di vederle in vendita da Sephora la prossima primavera; nel frattempo date uno sguardo alle proposte Urban Decay per Natale 2012 e alla nuovissima The Vice Palette.

Scritto da Anna Marchese

Foto del profilo di Anna Marchese

Make up artist napoletana, è un talento emergente in Italia, giovanissima, ha già collaborato come truccatrice per numerosi shooting fotografici di importanti fashion brand. Prossima alla laurea in informatica, per Beautydea è una Beauty Journalist, anticipatrice di tendenze e consigliera di bellezza. Va matta per tutto ciò che ruota attorno alla moda e non può uscire di casa senza una tonnellata di mascara!

© Riproduzione riservata

27 Commenti

Lascia un commento
  1. la naked basic mi ispira tantissimo anche perchè vista la quantità di ombretti c’è la possibilità che il prezzo non sia come la naked normale!!!!si è riaccesa la speranza

Lascia un commento

Raccolto capelli con fiocco: tutorial

Just Bitten Kissable Balm Stain di Revlon: review